Lingua:

La suite libera e completa per l'ufficio
Disponibile Apache OpenOffice 4.1.1

Apache OpenOffice diventa un Top-Level Project di Apache Foundation

La pluripremiata suite open-source per l'ufficio è usata in 228 paesi, con 20 milioni di download negli ultimi 5 mesi

Forest Hill, USA - 18 Ottobre 2012 - La Apache Software Foundation (ASF), il gruppo di volontari che sviluppa e guida quasi 150 progetti open source, annuncia che Apache OpenOffice è stato promosso dallo stato di Apache Incubator a Top-Level Project (TLP), indicando che la comunità del progetto ha dimostrato di sapersi governare seguendo il processo e i principi meritocratici di ASF.

"La promozione di OpenOffice dimostra che il Metodo Apache ha funzionato bene anche per un prodotto già noto e orientato agli utenti finali", dice Ross Gardler, Vice Presidente Esecutivo di Apache Software Foundation e mentore del progetto OpenOffice. "Il procedimento di incubazione ha permesso a volontari esperti di Apache di guidare il progetto, aiutando vecchi e nuovi sviluppatori di OpenOffice a costruire una comunità aperta e varia".

"Questo è il riconoscimento ufficiale che il progetto è ora capace di autogestirsi non solo nelle questioni teniche, ma anche in quelle legate alla comunità", dice Andrea Pescetti, volontario del progetto e da oggi anche Vice Presidente di Apache Software Foundation per Apache OpenOffice. "Il 'Metodo Apache' e le sue peculiarità, come la scelta di prendere ogni decisione in pubblico in modo trasparente, permettono al progetto di attrarre e coinvolgere nuovi volontari, e hanno consentito di eleggere un Project Management Committee attivo e vario, che garantirà un futuro stabile ad Apache OpenOffice".

Il codice di OpenOffice, creato inizialmente da Star Division negli anni Novanta, fu acquisito da Sun Microsystems nel 1999 e in seguito da Oracle Corporation nel 2010, prima di essere donato alla Apache Software Foundation in giugno 2011.

Durante il suo periodo di sviluppo in Apache Incubator, il progetto Apache OpenOffice ha esaminato 10 milioni di linee di codice, aggiunto numerosi miglioramenti e sistemato decine di bug segnalati dagli utenti della celebre suite open-source gratuita. OpenOffice è stato premiato cinque volte in questo periodo, con riconoscimenti che evidenziavano singoli componenti, il numero di download o il fatto di essere la miglior suite open-source per la produttività individuale.

In agosto 2012 Apache OpenOffice 3.4.1 è stato reso disponibile in 20 lingue, e la versione 3.4 è stata scaricata 20 milioni di volte da maggio da utenti individuali, aziendali, scolastici e governativi in 228 paesi. Il progetto continua a lavorare su nuove funzioni, innovazioni e nuove versioni previste per il primo e il terzo trimestre del 2013.

"Vedere che OpenOffice è ora un top-level project di Apache è entusiasmante", dice Juergen Schmidt, Release Manager di Apache OpenOffice. "Abbiamo superato numerose difficoltà: la distribuzione di Apache OpenOffice 3.4 ha richiesto che non solo migrassimo il codice da Oracle nella nuova comunità di Apache, ma anche che sostituissimo librerie con licenze incompatibili preservando la funzionalità del programma. Ora il nostro codice sorgente è disponibile anche per tutti gli altri progetti e organizzazioni".

"Siamo estremamente fieri di questo importante traguardo e diamo il benvenuto ad OpenOffice nella nostra schiera di progetti Apache di riferimento per il mondo intero", aggiunge Gardler.

Disponibilità e dettagli

Apache OpenOffice è disponibile gratuitamente a chiunque per qualsiasi scopo, e può essere scaricato da http://openoffice.org. Il prodotto può essere installato un illimitato numero di volte per un illimitato numero di utenti, senza alcun costo di licenza. Il progetto ha una forte attenzione agli standard, da ODF (ha implementato ISO/IEC 26300 per primo) a progetti futuri per CMIS, OpenSocial, e OData.

Come tutto il software di Apache, Apache OpenOffice è distribuito sotto la licenza Apache License 2.0, e gestito da un gruppo di volontari attivi. Un Project Management Committee (PMC) guida le operazioni quotidiane del progetto, compreso lo sviluppo della comunità e la realizzazione delle nuove versioni. Informazioni sul codice sorgente, documentazione, liste di discussione, risorse varie e modi di contribuire al progetto sono disponibili su http://openoffice.apache.org/.

Apache Software Foundation (ASF)

Fondata nel 1999, la Apache Software Foundation (ASF) gestisce quasi 150 significativi progetti Open Source, come Apache HTTP Server, il più noto software per server Web a livello planetario. Attraverso il processo meritocratico noto come "Metodo Apache", oltre 400 membri individuali e 3,500 sviluppatori approvati cooperano per sviluppare software gratuito e open source di dimostrata qualità, aiutando milioni di utenti: migliaia di soluzioni software sono distribuite con licenza Apache; e la comunità partecipa attivamente attraverso liste di discussione, la conferenza ufficiale ApacheCon, corsi ed eventi. La ASF è una organizzazione benefica no-profit del tipo 501(c)(3) negli Stati Uniti ed è sostenuta da donazioni individuali e da sponsor aziendali quali AMD, Basis Technology, Citrix, Cloudera, Facebook, Go Daddy, Google, HP, Hortonworks, Huawei, IBM, InMotion Hosting, Matt Mullenweg, Microsoft, PSW Group, SpringSource/VMware, WANdisco e Yahoo!. Per ulteriori informazioni: http://www.apache.org/ o seguire @TheASF su Twitter.

"Apache", "OpenOffice.org", "Apache OpenOffice", "ApacheCon" sono marchi registrati di Apache Software Foundation. Tutti gli altri marchi citati appartengono ai rispettivi proprietari.

Contatti:
Sally Khudairi
Vice President
The Apache Software Foundation
press@apache.org
+1 617 921 8656

Logo ApacheCon Europe 2014

Apache Feather

Copyright & License | Privacy | Website Feedback | Contact Us | Donate | Thanks

Apache, the Apache feather logo, and OpenOffice are trademarks of The Apache Software Foundation. OpenOffice.org and the seagull logo are registered trademarks of The Apache Software Foundation. Other names appearing on the site may be trademarks of their respective owners.